Chiesa Cristiana Evangelica Pentecostale di Monserrato (CA)
Attualità

LA FORZATURA DELLA SCIENZA

Autore: Past. Fiorenzo Pintus

LA FORZATURA DELLA SCIENZA

Il genere umano riconosce i grandi successi ottenuti dalla scienza, in particolare per le scoperte realizzate attraverso le vie naturali. Si rimane basiti quando le vie naturali sono forzate, forzature che impediscono di esprimere le proprie congratulazioni, trasformando il (in)successo in oggetto di critica. Infatti, l’Apostolo delle genti riprende i Romani perché avevano abbandonato l’uso naturale in quello che è contro natura. Chiedo venia se il mio pensiero è distante da quelli che condividono la cosiddetta forzatura naturale. Sono convinto che la natura, o meglio, che le cose naturali non siano tutelate dal legislatore. L’ultima e scioccante notizia è che una signora diciannove anni fa (1996) fece congelare degli embrioni del marito. Mentre gli embrioni si trovavano in uno stato di conservazione il marito è deceduto nel 2011. I lettori si chiederanno dové la forzatura? Le pretese della Signora che ora per allora pretende l’impianto degli embrioni. Sono convinto che ad accorgersene della forzatura sarà il nascituro, attore principale di questa storia quando chiederà alla mamma notizie dell’assenza del padre, chiederà come hai fatto se papà è morto nel 2011 e la mamma gli dirà: tu sei un figlio venuto dal freddo. Chiaramente questa è l’ultima forzatura della natura, si potrebbe fare un lungo elenco, uomini, padri di famiglia, che vogliono sottoporsi a intervento chirurgico per cambiare sesso da maschile in femminile, e cosi donne che vogliono essere maschi, insomma il cerchio si allarga sempre di più nei meandri dell’innaturale. Che dire della rivendicazione, (secondo loro) dei diritti che appartengono a quella sfera del naturale, intendo dire che due persone dello stesso sesso che convivono non formano famiglia perché non producono. L’etimologia della parola famiglia, deriva dal latino familia, letteralmente l’insieme dei famuli, ossia moglie, e figli che hanno un rapporto di dipendenza in particolare padre e madre. Quale sarà la prossima notizia non si sa, da credente posso dare una notizia molto tranquillizzante e per nulla forzata. Nel Salmo 127 verso 3 è scritto: “ Ecco, i figli sono un dono che viene dal Signore; il frutto del grembo materno è un premio”, dunque il verso riferisce che i figli sono un dono che viene dato dal Signore. In questo caso possiamo intuire che la donna in questione non sia mai stata interessata a Dio, ha preferito percorrere la via della scienza, in questo caso ha voluto forzare la natura, sappiamo che i nostri pensieri, si diversificano da quelli del Signore. Questo non significa che la donna non sia Benedetta. Il Salmista afferma che i figli sono un dono da Dio,mentre nel libro della Genesi cap.30 verso 2 così recita:”Giacobbe s’irritò contro Rachele, e disse:«Sono forse io al posto di Dio che ti ha negato di essere feconda?» Non c’è dubbio, chi vuole avere dei figli come eredità dell’Eterno deve riceverli come e quando Dio vuole, cioè tramite una lecita unione monogamica e devono essere considerati delle benedizioni e non dei pesi.

Shalom

Pubblicato il 16/02/2015
Genere: Attualità
Locale Monserrato

Riunioni

Domenica, Martedì e Venerdì
Ore 18:00

sito
In classifica

Immagini by Sere

Immagini by Stefano

CCEPM Podcast