Chiesa Cristiana Evangelica Pentecostale di Monserrato (CA)
Studio biblico

IL MATRIMONIO

Autore: Past. Fiorenzo Pintus

IL MATRIMONIO

La radice etimologica della parola matrimonio, deriva dal latino matrimonium, ossia dall’unione di due parole latine, “mater, madre, genitrice” e “munus”, che significa: GENETRICE DÌ FIGLI (Diz.G.Campanini). Confrontiamo Gen.1:27 “Dio creò l’uomo a sua immagine; lo creò maschio e femmina”. Questo lascia intendere che il matrimonio é formato da un uomo e una donna che genera figli, “Genitrice”. Adamo questo è il nome del primo uomo, deriva dall’ebraico “Terra”, “Suolo”. Si tratta di una etimologia non scientifica, ma popolare, basata su un’assonanza. In realtà sembra che il nome derivi dal sumerico Ada-mu, “Padre mio”. Molti studiosi ricollegano Adamo come Adamu, che vuol dire fare produrre, per cui l’uomo sarebbe il “prodotto”, la fattura di Dio. Non dimentichiamoci che Adamo, non nacque, ma fu creato per completare la creazione di Dio ed essere la sua gloria.

Alla luce di quello che riferisce la Genesi, scopriamo che tutto quello che Dio, ossia “ELOHIM” (= Dio creatore) ha creato, e creato per produrre; lo scopo dell’immagine di Dio in noi, oltre essere Trini e anche quella di produrre. Chiaramente ciò che l’uomo produce deve ritornare a Gloria e Onore a Dio (vedi il frutto dello Spirito). Tutto questo al primo uomo era impossibile fino a quando Dio non creò la donna per completare l’uomo ed essere sua gloria. Cfr. Gen.2:21,24 “Allora Dio il Signore fece cadere un profondo sonno sull’uomo, che si addormentò; prese una delle costole di lui, e richiuse la carne al posto d’essa. Dio il Signore, con la costola che aveva tolto all’uomo, formò una donna e la condusse all’uomo. L’uomo disse: «Questa, finalmente, è ossa delle mie ossa e carne della mia carne. Ella sarà chiamata donna perché è stata tratta dall’uomo». Perciò l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie, e saranno una stessa carne”. Notiamo che Dio, con la Sua autorità, fece Adamo e da lui ha tratto Eva, e ora con la stessa autorità, li fece UNO. Dio li unisce, e i due diventano una sola carne, una sola unità. In effetti, Adamo ricevette Eva da Dio, come da suo Padre, quando Adamo vide Eva disse: “questa è ossa delle mie ossa”. Cfr. Gen.1:27,28 “ Dio creò l’uomo a sua immagine; li creò a immagine di Dio; li creò maschio e femmina. Dio li benedisse; e Dio disse loro: «Siate fecondi e moltiplicatevi; riempite la terra, rendetevela soggetta, dominate sui pesci del mare…..»

1°)- Non si può parlare di matrimonio di due persone delle stesso sesso.

2°)- Dio benedisse l’unione di Adamo ed Eva, attraverso la Benedizione di Dio vediamo l’istituzione del matrimonio.

3°) Il matrimonio è l’espressione della volontà di Dio, che i due sono uniti per tutta la vita.

Cfr. Matt.19:5,6” Perciò l’uomo lascerà il padre e la madre,e si unirà con sua moglie, e i due saranno una sola carne? Così non sono più due, ma una sola carne; quello dunque che Dio ha unito, l’uomo non lo separi “.Questo passaggio del Vangelo chiarisce che il matrimonio è indissolubile, questo significa che non ci sono possibilità di scioglimento, può essere distrutto, ma non potrà essere sciolto da Dio. L’Apostolo Paolo così scrive ai Romani:

Infatti la donna sposata è legata per legge al marito mentre egli vive; ma se il marito muore, è sciolta dalla legge che la lega al marito. Perciò se lei diventa moglie di un altro uomo mentre il marito vive, sarà chiamata adultera; ma se il marito muore, ella è libera da quella legge; per cui non è adultera se diventa moglie di un altro uomo”(Rom. 7:2,3)

Alla luce della Parola di Dio, si deduce che la solidità del matrimonio debba essere ricercata nella reciproca Santificazione. Tenere in onore il matrimonio, contribuisce alla felicità della nuova famiglia, per questo la coppia deve impegnarsi a fondo per onorare Dio nel pieno rispetto, il reciproco amore, e affrontare insieme nell’unità, l’edificazione della nascente chiesa domestica.

La Scrittura presenta il matrimonio accostandolo al rapporto d’amore di Cristo per la Sua Chiesa. Intanto va rilevato che il matrimonio non è un sacramento ma un’istituzione Divina, va rilevato che il matrimonio è una dimostrazione d’amore e non un’attrazione fisica. Quando i due sono certi di essere fatti l’uno per l’altro, questo lo possono sapere solo rappresentando tutto al Signore in preghiera. I mariti devono essere consapevoli che la donna non è un oggetto prezioso da mostrare, così come per la donna nei confronti del marito. Entrambi devono amarsi, rispettarsi e ricordarsi che siamo chiamati ad amare tutti a maggior ragione dobbiamo amare quella parte che ci è stata donata da Dio e che forma un’unità. I due saranno una sola carne.

Mi rendo conto che molti lettori non condivideranno questo breve studio, così anche i sostenitori del matrimonio fra persone dello stesso sesso. Preciso che questo Sito, nasce per volontà del Signore, non lo vogliamo usare per assecondare questa “moda” ma per proclamare la Parola di Dio.

“Chi ha trovato moglie ha trovato un bene e ha ottenuto un favore dal Signore”(Prov.18:22)

Pubblicato il 22/08/2013
Genere: Studio biblico
Locale Monserrato

Riunioni

Domenica, Martedì e Venerdì
Ore 18:00

sito
In classifica

Immagini by Sere

Immagini by Stefano

CCEPM Podcast