Chiesa Cristiana Evangelica Pentecostale di Monserrato (CA)
Studio biblico

UNA PAROLA “un” COMMENTO: LE VIRTU’ CRISTIANE

Autore: Past. Fiorenzo Pintus

UNA PAROLA “un” COMMENTO: LE VIRTU’ CRISTIANE

Le Virtù, sono disposizioni infuse da Dio e rendono il credente felice e si realizzano per mezzo della Grazia Santificatrice. Esse sono: Fede, Conoscenza, Autocontrollo, Pazienza, Pietà, Affetto fraterno, Amore. Le prime cinque virtù riguardano la vita interiore e il rapporto con Dio. Le ultime due riguardano i rapporti con gli altri. Esaminiamo le prime cinque.

1)- Fede. La Fede in Gesù è ciò che distingue i credenti da tutte le altre persone. La Fede o Fiducia nel Salvatore e ciò che permette all’uomo l’ingresso nella famiglia di Dio ed è il fondamento di tutte le altre qualità della vita cristiana. Cfr. 2°Pietro 1:3 “La sua potenza divina ci ha donato tutto ciò che riguarda la vita e la pietà mediante la conoscenza di colui che ci ha chiamati con la propria gloria e virtù.” Egli ci ha rigenerato, e questo ci spinge a ringraziare Dio, specialmente se consideriamo il frutto che produce in noi, cioè quella eccellente grazia della speranza. La Scrittura continua nel dire in I° Pietro 2:9 “ Ma voi siete una stirpe eletta, un sacerdozio regale, una gente santa, un popolo che Dio si è acquistato, per proclamare le virtù di colui che vi ha chiamati dalle tenebre alla sua meravigliosa luce.” Da questo verso deduciamo che la fede in Cristo ci spinge a proclamare le virtù.
2°)- La Conoscenza. Questa Virtù non si raggiunge con l’impegno intellettuale, ma è la conoscenza spirituale che si ottiene grazie allo Spirito Santo ed è focalizzata sulla persona e sulla Parola di Dio. Cfr. 2° Pietro 1:2 “ Grazia e pace vi siano moltiplicate nella conoscenza di Dio e di Gesù, il nostro Signore.” Detto in semplicità: più conosciamo Dio, più realizziamo la conoscenza e la grazia e pace abbonderanno in noi. Le virtù, Fede e Conoscenza, non sono sufficienti per il nostro cammino, infatti, dobbiamo sforzarci di praticare.

3°)- L’Autocontrollo, o temperanza. Autocontrollo è il contrario dell’Anarchia, in una società sempre più anarchica i credenti devono (dobbiamo) sforzarsi di praticare ciò che è scritto, ovvero l’Autocontrollo. L’apostolo Pietro ha smascherato quelli che esercitano un falso autocontrollo. Cfr. 2° Pietro 2:1”Però ci furono anche falsi profeti tra il popolo, come ci saranno anche tra voi falsi dottori che introdurranno occultamente eresie di predizione, e, rinnegando il Signore che li ha riscattati, si attireranno addosso una rovina immediata.” Non dimentichiamoci che i falsi insegnanti, con le loro insidiose attività, sono sempre presenti. Autocontrollo significa che dobbiamo essere sobri, moderati nel nostro amore e nell’uso che facciamo dei beni di questa vita.

4)- La Pazienza. I credenti che vivono negli ultimi tempi, specialmente quando si trovano a essere circondati da schernitori e falsi dottori, hanno anche bisogno di pazienza. Il significato del testo originale è «sottostare», spesso usata nel Nuovo Testamento per indicare la costanza o la perseveranza durante le avversità, senza cedere o darsi per vinti. Cfr. Romani 5:3,4 “non solo, ma ci gloriamo anche nelle afflizioni, sapendo che l’afflizione produce pazienza, la pazienza esperienza, e l’esperienza speranza.” Ritengo la pazienza, una ricchezza consolidata per la fede in Cristo e per l’intercessione dello Spirito Santo.

5)- La Pietà. Alla pazienza dobbiamo aggiungere la Pietà che è prodotta dalla pazienza, poiché genera esperienza. Infatti, quando i cristiani sopportano le afflizioni, pazientemente acquisiscono una conoscenza pratica della benignità del Padre celeste. Di conseguenza sono portati ad avere un timore e amore reverenziale nei riguardi di Dio, in cui consiste nella Pietà. Cfr Salmo 89:32,33 “io punirò il loro peccato con la verga e la loro colpa con percosse; ma non ritirerò la mia grazia e non verrò meno alla mia fedeltà.” Le ultime due Virtù riguardano i rapporti con gli altri.

6)- Affetto fraterno. L’espressione affetto fraterno significa interesse tenero e premuroso per gli altri. Cfr.I°Giov. 4:20 “Se uno dice:«Io amo Dio», ma odia suo fratello, è bugiardo; perché chi non ama suo fratello che ha visto, non può amare Dio che non ha visto.” Possiamo affermare che questa Virtù è la visibile caratteristica dei cristiani, chiediamoci possiamo amare Dio senza amare il prossimo? Mentre l’affetto fraterno è l’interesse per gli altri.

7)- Virtù-Amore. L’amore è profondo desiderio del bene altrui. Questo è il tipo di amore che Dio dimostra ai peccatori (Giov.3:16). E’ interessante notare che le sette Virtù iniziano con la Fede e terminano con l’Amore. Se siamo edificati sul fondamento della fede in Cristo, dobbiamo dimostrare di essere simili a Lui facendo proprie queste sette qualità che trovano il loro perfezionamento nell’amore per gli altri. Signore donaci tanta fede, affinché possiamo realizzare tutte le tue Virtù per poi metterle in pratica. Un fraterno e caloroso saluto a tutti i lettori del sito. Shalom.
Pubblicato il 27/03/2014
Genere: Studio biblico
Locale Monserrato

Riunioni

Domenica, Martedì e Venerdì
Ore 18:00

sito
In classifica

Immagini by Sere

Immagini by Stefano

CCEPM Podcast